AGRO-START MOBILITY

AGRO-START MOBILITY

Mobilità transnazionale per lo sviluppo delle competenze, la crescita dell’occupazione e la competitività delle PMI nel settore dell’agricoltura biologica e dell’allevamento


 

 


Programma
ERASMUS +
Azione KA1: Mobilità Individuale ai fini dell’Apprendimento

 


Partner

 

Lead Partner
Italia - Regione Molise (Assessorato all’Agricoltura, Foreste e Pesca Produttiva)

Partner di Coordinamento
Italia - Reattiva

Partner di Invio (Regione Molise)
Istituto Tecnico Agrario “San Pardo” di Larino
Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale “Pittarelli” di Campobasso
Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente di Riccia
Istituto di Istruzione Superiore per le Biotecnologie Ambientali “Pertini” di Campobasso

 


Durata
Inizio: 2014 - Durata: 24 mesi

 


Sito Internet
-

 

 

Sintesi e Obiettivi

In linea con gli obiettivi Europa 2020, il progetto di mobilità Agro-Start Mobility, promosso dalla Regione Molise (Assessorato all’Agricoltura, Foreste e Pesca Produttiva) e coordinato da Reattiva, intende migliorare qualitativamente i percorsi di apprendimento, di istruzione e formazione professionale, promuovere la conoscenza di una seconda lingua, contribuire ad implementare il sistema di validazione delle competenze, promuovere l’auto-imprenditorialità, contribuire a definire la mobilità internazionale come azione naturale e non eccezionale.
Il progetto intende, inoltre, accelerare l’ingresso nel mondo del lavoro dei neodiplomati provenienti dagli Istituti tecnico-professionali di invio, fornendo loro l’opportunità di specializzare le proprie competenze in un contesto lavorativo internazionale, attraverso un tirocinio formativo in azienda, utile anche a testare e rafforzare il proprio know-how di settore e la conoscenza di una seconda lingua, nonché a stimolarne l’avvio di attività di networking commerciale con partner internazionali.

 

Attività Principali

Il progetto si rivolge a due target di partecipanti per un totale di 120 mobilità: il primo è costituito dagli studenti frequentanti le classi quarte, il secondo dai diplomati da non più di 12 mesi, entrambi provenienti dai tre Istituti Tecnico-Professionali Agrari della Regione (l’Istituto Tecnico Agrario “San Pardo” di Larino, l’Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale “Pittarelli” di Campobasso e l’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente di Riccia) e dall’Istituto di Istruzione Superiore per le Biotecnologie Ambientali “Pertini” di Campobasso, costituenti il partenariato d’invio.
L’esperienza di mobilità che consiste in un periodo di permanenza all’estero (Malta, Spagna, Portogallo, Francia, Regno Unito e Repubblica Ceca), della durata di 4 settimane per il primo target (studenti) e di 3 mesi per il secondo target (neodiplomati), durante il quale i partecipanti effettueranno un tirocinio pratico in aziende operanti nei settori agrario, agro-industriale e delle biotecnologie ambientali.